19-12-2017 - Magneti Marelli al CES di Las Vegas 2018 con il tema ''Sense What’s Coming''


  • Sensori, videocamere, radar e LiDAR integrati all’interno di proiettori anteriori e gruppi ottici posteriori avanzati
  • Tecnologia V2X (vehicle-to-everything) per una maggiore sicurezza per le vetture di oggi e i veicoli a guida autonoma di domani
  • Nuove tecnologie per i veicoli ibridi, che puntano a ridurre emissioni e consumi 

Dal 9 al 12 gennaio 2018, Magneti Marelli espone in occasione del CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas un ampio assortimento di tecnologie che esplorano il tema “Sense What’s Coming”, che caratterizza la presenza dell’azienda alla manifestazione. Su una superficie espositiva di circa 560 m² presso il Wynn Hotel nella sala Latour 5-7, Magneti Marelli presenta tecnologie già a disposizione negli ambiti dell’elettronica, dei sistemi d’illuminazione e del powertrain avanzato, con particolare attenzione a guida autonoma, interfaccia HMI (Human Machine Interface) avanzata, connettività e mobilità ibrido/elettrica. 
 
Le tecnologie in esposizione riguardano in particolare tre ambiti del settore automotive che si stanno evolvendo rapidamente. A Las Vegas, infatti, i visitatori potranno conoscere le soluzioni tecnologiche di Magneti Marelli che consentiranno ai veicoli di: “percepire” e connettersi con l’ambiente circostante, comunicare informazioni rilevanti a conducente e passeggeri e soddisfare requisiti rigorosi a livello di sostenibilità ambientale e sicurezza.   
 
“Il nostro know-how nel campo della tecnologia automotive aiuta gli OEM a stare al passo con l’evoluzione industriale del settore, dal momento che offriamo soluzioni sia per i veicoli di oggi che per le auto del futuro”, ha dichiarato Pietro Gorlier, CEO di Magneti Marelli. “La nostra capacità di operare in modo trasversale tra le varie aree di business e di integrare diverse tecnologie a bordo del veicolo, per offrire la miglior esperienza possibile all’utente, è il nostro elemento distintivo.”  
 
Smart Corner™: la strada verso la guida autonoma
Anche sulla base del recente investimento in LeddarTech, società canadese specializzata nello sviluppo di sensori LiDAR a stato solido, Magneti Marelli ha sviluppato lo “Smart Corner” integrando videocamera, radar e LiDAR nei proiettori anteriori e gruppi ottici posteriori. In occasione del CES, il prodotto finale è installato su un veicolo di serie. 
Esperti di LeddarTech saranno disponibili presso lo stand per illustrare la più recente tecnologia relativa ai sensori LiDAR a stato solido. Presso l’area esterna CP-23 al “Tech East”, inoltre, la società canadese sarà presente con il “Leddar Ecosystem Pavillon”. 
 
Lo “Smart Corner” consente ai car maker di integrare sensori e sistemi d’illuminazione avanzati, garantendo al contempo prestazioni e design. Infatti l’adozione dello “Smart Corner” permette una riduzione dei costi di produzione e del peso, eliminando la necessità di ulteriori cablaggi e connessioni e dell’allocazione separata degli stessi nell’ambito del veicolo.
 
L’area espositiva di Magneti Marelli propone una selezione di moduli per illuminazione, proiettori e gruppi ottici posteriori. Attualmente, l’azienda sta sviluppando soluzioni di illuminazione a LED montate direttamente su chip per soddisfare le esigenze dei car maker in tutti i segmenti. I visitatori possono così vedere differenti dispositivi: dal modulo di dimensioni ridotte, con tecnologia scalabile, per applicazioni in spazi ristretti, fino al modulo ADB da 84 pixel ad alta risoluzione.   
 
Completano l’esposizione moduli laser e sistemi a doppia proiezione, oltre a un gruppo ottico posteriore full LED e un prototipo di fanale con tecnologia OLED.  
 
Display con Interfaccia Uomo-Macchina Avanzata (HMI) 
Magneti Marelli presenta a Las Vegas un’ampia gamma di display, dai più semplici a quelli “door-to-door” con distribuzione controllata dei contenuti. Il Portal Showcase offre contenuti per tutti i passeggeri grazie a uno schermo con tecnologia AMOLED (diodo organico a emissione di luce a matrice attiva) dallo spessore di soli 1,5 mm montato su una superficie curva.    
 
Presso lo stand Magneti Marelli è inoltre possibile visionare quadri strumenti con tecnologia analogica, ibrida e Full Digital. 
 
La comunicazione V2X (vehicle-to-everything) contribuisce alla sicurezza su strada
Secondo il dipartimento dei trasporti statunitense la tecnologia V2X è in grado di prevenire l’80% degli incidenti che coinvolgono conducenti nel pieno delle proprie facoltà: il sistema, infatti, emette dei segnali d’allarme in caso di pericoli che di norma non vengono rilevati dalla strumentazione di bordo più comune. Le soluzioni V2X sviluppate da Magneti Marelli integrano avvisi per il conducente all’interno dell’interfaccia HMI, facendo sì che siano visualizzabili sul quadro strumenti oppure nella consolle centrale. 
 
I visitatori potranno riscontrare inoltre l’integrazione armonica della comunicazione V2X nell’ambito dell’interfaccia utente dei quadri di bordo attualmente in produzione, parallelamente a numerose esperienze di utilizzo di tecnologie per la connettività veicolo-infrastruttura, veicolo-pedoni e veicolo-veicolo. 
 
Soluzioni di powertrain alternativo per l’ibrido leggero e la propulsione elettrica 
La lunga esperienza nel mondo delle competizioni è uno degli elementi fondamentali alla base delle soluzioni di powertrain tradizionali e alternative proposte da Magneti Marelli. I sistemi Magneti Marelli sono testati nelle competizioni più impegnative, come il Campionato di Formula 1, e vengono ulteriormente sviluppati e adattati al fine di soddisfare le richieste del mercato dei veicoli di serie. 
 
Una delle più recenti tecnologie esposte al CES è una soluzione “mild hybrid” da 48 volt con motogeneratore BSG (Belt integrated Starter Generator), ovvero un motore elettrico con elettronica integrata che sostituisce l’alternatore tradizionale. Il BSG recupera l’energia in frenata, che utilizza per alimentare il motore a combustione interna e l’impianto elettrico. 
 
Riguardo la propulsione elettrica, Magneti Marelli espone infine un modulo inverter di potenza (PIM, Power Inverter Module) da 400 volt, che assicura una modalità di marcia elettrica a medio raggio, grazie a un’autonomia media pari a circa 50 km con una singola ricarica. La soluzione è concepita per resistere a severe condizioni di utilizzo, come ad esempio elevate temperature e vibrazioni nel vano motore.
Rete Checkstar
Officine



Distributori